Serie C Silver una partita da vedere

Buongiorno fedeli lettori,

dopo l’ultima cocente sconfitta in casa della capolista Spezia Basket Club (85 a 55 n.d.r.), i giocatori della nostra C Silver stanno preparando l’ottava giornata che vede come avversario i vicini di casa della Tigullio Sport Team di Santa Margherita Ligure.

Da neopromossa in questo difficile campionato la nostra squadra sta faticando a trovare la continuità, durante i 40 minuti di gioco, che potrebbe permettergli di arrivare a fine gara con un punteggio ancora in bilico. La vera differenza tra la serie D, dominata negli ultimi 3 anni, e questa serie C sta proprio nella capacità degli avversari di approfittare delle pause che troppo spesso i nostri giocatori si concedono, sopratutto in attacco, durante l’arco della gara. Dopo 7 giornate di campionato i nostri ragazzi non hanno ancora fatto quello scatto in avanti che gli permetterebbe di prendersi le soddisfazioni che probabilmente meriterebbero in quanto ad impegno settimanale.

La squadra di coach Annigoni, al suo secondo anno a Santa Margherita, recupererà Gianluca Caversazio stella indiscussa della squadra che aiuterà i nostri avversari alla conquista di una delle prime tre posizioni della classica, obbiettivo realistico per un organico così ricco di talento.

Quindi altra Domenica difficile (25/11 alle 19.00) per i nostri ragazzi che in via Don Minzoni (a Rapallo) dovranno sudare le famose sette camice per poter stare al passo con un’avversaria cosi organizzata e forte.

Come sempre vi invito a sostenerci il più possibile, perché se vogliamo avere qualche possibilità di vittoria Domenica dobbiamo essere supportati dal nostro meraviglioso pubblico che nelle ultime due partite in casa ci ha fatto sentire un pochino abbandonati, capisco che i risultati non sono dei migliori ma penso che se vogliamo essere la Società che tutti noi sogniamo di essere nei momenti difficili gli uni si devono stringere agli altri perché, solo cosi, insieme, possiamo colmare il gap che inevitabilmente abbiamo con i nostri avversari, più abituati a questo campionato e con individualità più forti delle nostre.

Penso che questi ragazzi meritino il vostro supporto, per impegno e costanza sono il meglio che un allenatore possa chiedere, ma la montagna che abbiamo deciso di scalare quest’anno è veramente molto alta e da soli proprio non ce la facciamo, abbiamo bisogno di essere sospinti da tutti quelli che ci vogliono bene, perché da sempre lo sport racconta di storie meravigliose, di imprese memorabili ed ognuna di esse è stata resa possibile da quel mistico momento in cui tanti cuori battono all’unisono.

Come sempre WE LOVE THIS GAME

 

Precedente u20 CHE CRISI Successivo La strada giusta?